mercoledì 18 novembre 2015

Francesco Guccini: “Ho fatto il cantautore, adesso sono uno scrittore”

Il grande cantautore si racconta mentre escono due box con 4 e 10 cd di pezzi inediti, rarità, live introvabili e dice: "La musica di oggi è noiosa"
Ha appeso le chitarre al chiodo e con la musica ha chiuso, già da alcuni anni: "Non l'ascolto più nemmeno in macchina, troppe canzoni inutili", di scrivere però non si è ancora stancato. Il professor Francesco Guccini si racconta, affabulatore di parole, che non gli sono mai mancate, narratore di storie di vita e presenta "Se io avessi previsto tutto questo - Gli amici, la strada, le canzoni", due box da 4 e 10 cd, con inediti, registrazioni in studio, rarità e live introvabili, in uscita il 27 novembre.Nei due box Deluxe e Super Deluxe l'opera omnia del grande artista, oltre quarant'anni di carriera, un racconto in musica e un viaggio nella scrittura del cantautore bolognese.

Francesco Guccini
"Mi chiamo Francesco Guccini e sono nato nella prima metà del secolo scorso, sono ancora vivo, ho fatto il cantautore, ora però faccio lo scrittore". Si presenta così il maestro, 75 anni, il tono pacato, l'accento bolognese, quella erre moscia, tanto raffinata ed elegante, che sono i tratti distintivi della sua voce e prende ostinatamente le distanze dalla musica e dalle canzoni: "Ho smesso perché non mi vengono semplicemente più le parole per scrivere canzoni, non ho più voglia, non ho più idee. Scrivere canzoni non deve costare fatica. Le 13 strofe di "La locomotiva" le ho scritte in venti minuti. Le parole venivano semplicemente. Adesso non è più così". Capitolo chiuso.
Resta aperto invece quello della scrittura. Il 3 novembre è uscita la sua ultima raccolta di racconti montanari, "Un matrimonio, un funerale, per non dire del gatto" , con il quale Guccini si conferma uno dei più interessanti cantori di provincia e in cantiere c'è già il prossimo giallo, l'ottavo con Loriano Macchiavelli, il protagonista, tra gli elfi, "gli hippy venuti a vivere tra noi sulle montagne negli anni '70". Le montagne, i suoi Appennini restano la location prediletta dei suoi racconti: "Sono tornato da dove ero venuto. Bologna ora mi sta stretta, troppe auto, troppo traffico... mi infastidiscono. Invecchiando non si ha più lo spirito che si aveva quando si era giovani".
Scrivere resta il suo mestiere, ma soprattutto raccontare. Lo fa per un'ora filata, come un incantatore di serpenti davanti ai giornalisti silenziosi, mentre recupera nelle scatole del passato ricordi, personaggi, situazioni di 40 anni di storia d'Italia e della musica.
Osteria del Moretto, (che è poi il luogo dove ha incontrato i giornalisti e il luogo di cui parlano alcune sue canzoni, tra cui un'inedita "Osteria dei poeti"), fine anni '60: "Ci incontravamo lì tutte le sere a cantare fino alle due di notte, c'erano molti studenti greci, molti americani" e poi la Gazzetta di Modena e la sua breve carriera di giornalista, l'incontro con Alfio Cantarella, batterista degli Equipe 84, la prima canzone,"Auschwitz" scritta nel '64 e la sua scelta di continuare a studiare invece che unirsi al gruppo musicale. E ancora quell'esame fatto a Roma come "melodista non trascrittore" per ottenere la registrazione alla Siae delle sue canzoni: "La prima canzone che ho firmato nel '66 è stata "Un Dio è morto".
Guccini racconta, indugia soprattutto su alcuni ricordi di gioventù, sulla sua vocazione di cantante "scoperta dopo quattro album", sul primo contratto discografico ottenuto a Milano "100 mila lire al mese per l'esclusiva" o sul mulino di famiglia, "sui sacchi pesanti portati su e giù dalla montagna, il fotografo del paese, i giovani abituati a fare fatica...".
"Ho avuto la fortuna di vivere un'epoca e una generazione, una sorta di età dell'oro", dice il maestro, che del cantautorato contemporaneo salva solo Capossela: "Colto e serio, ma un po' strano", dice e delle canzoni del momento "sono inutili".
"Il problema di adesso è che è stato tutto già detto, si fa fatica a dire qualcosa di nuovo e originale. Il mondo discografico è molto cambiato, i talent show favoriscono le illusioni...".
Lui prende le distanze da tutto questo, le ha prese, dopo il suo ultimo disco, nel 2012, "L'ultimo Thule", ha chiuso le chitarre nella loro custodia e adesso si gode i suoi appennini... scrive, ricorda, senza rimpianti come solo i saggi sanno fare e ci regala ancora tanta poesia, adesso sembra lui quel "vecchio" di uno dei suoi pezzi cult "Il vecchio e il bambino"... noi siamo i bambini, il mondo in pericolo allora doveva difendersi dal pericolo della bomba atomica, oggi le bombe sono quelle cadute su Parigi.

Post più popolari